lunedì 11 agosto 2014

"Dalla parte di Bailey - Una storia per umani" di W. Bruce Cameron | # Recensione


Titolo: Dalla parte di Bailey – Una storia per umani
Titolo Originale: A dog’s purpose
Autore: W. Bruce Cameron 
Genere: Romanzo/ Animali /Letteratura statunitense
Data di pubblicazione: Giugno 2011
Numero pagine: 280 
Editore: Giunti 
Prezzo: 16,00 € cartonato 
Tascabile 5,90 €
Voto: ✪✪✪½


Trama 
E se esistesse un cane che non muore mai? Un cane che si reincarna in diverse vite, ricordandosele tutte, una per una?Questa è la fantastica storia di Bailey, raccontata dalla sua stessa, adorabile voce di cane.
Ingenuo e spaurito, quando viene al mondo è un bastardino randagio che fatica a capire come girano le cose: non è svelto quanto i fratelli ad accaparrasi le coccole della sua adorata mamma, va in pezzi per la delusione quando la sua cagnetta preferita viene insidiata da rivali ben più scaltri di lui e quasi muore dallo spavento quando  si trova di fronte "all'animale uomo". Ma ogni volta che rinasce, Bailey e un po' più saggio e disinvolto.
Finché arriva Ethan, un bambino speciale che gli insegnerà il senso del gioco, della lealtà, dell'amore, dell'amicizia; in una parola, il senso dell'esistenza. Nelle vite successive, quando ormai da cane poliziotto, si ritroverà capace di imprese straordinarie, sarà sempre Ethan il suo pensiero fisso e la persona che vorrà a tutti i costi ritrovare. E quando succederà, Bailey compirà per lui la sua azione più bella, più vera e più grande.



Recensione
________________________________________________________________________________


Quando ho preso per la prima volta “Dalla parte di Bailey” (la versione tascabile a 5,90 Euro) ero alla ricerca di un libro che mi risollevasse il morale con la sua dolcezza. Devo dire che ci è riuscito.
L’aspetto più affascinante del libro è come l’autore, W. Bruce Cameron, sia riuscito a narrare delle vicende dal punto di vista di un cagnolino, che con la sua ingenuità, cresce man mano che la storia prosegue, diventando sempre più saggio e perspicace, un “Bravo cane” (come ripete a sé stesso, Bailey, il protagonista di questa tenerissima avventura).  La storia, dunque, diventa una dolce commedia, che riesce a strappare una risata al lettore, ma anche la classica lacrimuccia di commozione verso le ultime pagine del libro.
  Sicuramente il punto forte del romanzo è la storia di amicizia incondizionata che vi è tra Bailey e il suo “bambino” Ethan, un’amicizia che il nostro simpatico amico a quattro zambe si porterà dentro nel cuore per tutta la durata della trama, e che lo indurrà sempre a sperare, un giorno, in un loro ri-avvicinamento.


“Eravamo davanti a una grande casa bianca e mi chiedevo se ci fosse un canile sul retro o perlomeno un cortile. Non sentivo cani abbaiare, quindi forse ero io il primo. Poi la porta d’ingresso si spalancò e un essere umano mai visto prima corse fuori sul portico, saltellò giù per i gradini e si piantò nel prato. Ci guardammo. Mi resi conto che era un bambino di essere umano, un maschio. Aprì la bocca in un enorme sorriso e spalancò le braccia: “Un cucciolo!” urlò e ci corremmo incontro, innamorati l’uno dell’altro a prima vista. Io non riuscivo a smettere di leccarlo e lui non riusciva a smettere di ridere e insieme iniziammo a rotolarci nell’erba.”



Un libro che consiglierei a chiunque, sia grandi che piccini. Una storia che ha molto da dare e che allo stesso tempo può insegnare tante cose sul mondo, e sul punto di vista, di queste adorabili creature. Come dice Senora:  Non esistono cani cattivi, Bobby, solo cattive persone. Hanno bisogno d'amore, tutto qui", e quanto ha ragione!

Forse l’unico punto negativo della trama, oltre che la lunghezza di alcune scene, risiede nella scelta dell’autore di voler spezzare il filo regolare del racconto, facendo ogni volta ritornare cucciolo il nostro protagonista, giocando quindi sul tema “Morte e risurrezione” che ci da non poco sul quale riflettere, e ad un primo impatto ci lascia un po’ sbigottiti.
Ad ogni modo il filo logico conduttore rimane sempre l’anima di Bailey che non perisce mai, e anzi, ricorda ogni cosa, insegnamento e avventura da lui vissuto. Ed è proprio questo che lo fa crescere (e noi lettori con lui), e gli fa pensare che vi sia uno scopo ben più grande legato alla sua vita. Un messaggio positivo, che infonde una grande carica al lettore, rendendolo protagonista in prima persona.



VOTO: 3,5 stelle/ su 5

____________________________________________________________________________________________________

William Bruce Cameron, 1960, è un giornalista umoristico americano di fama internazionale. È autore dei bestseller 8 Simple Rules for Dating My Teenage Daughter, 8 Simple Rules for Marrying My Daughter e How to Remodel a Man. Dalla parte di Bailey...



3 commenti:

  1. Mamma lo ha comprato proprio pochi giorni fa..

    RispondiElimina
  2. un libro che incanta.....io adoro i libri sugli animali, in particolare cani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Dalla parte di Bailey" è un libro davvero tenerissimo, sopratutto perchè anche io ho un cane e in certi parti del romanzo mi è venuto in mente proprio lui!

      Elimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com