giovedì 13 ottobre 2016

The Drinkable Book: il libro che fa diventare l'acqua potabile.

I libri ti salvano la vita, su questo non c'è dubbio. Arricchiscono la nostra anima di immaginazione e emozioni. Ci permettono di vivere avventure dalle mille sfaccettature. Ma pensate solo per un momento se uno di questi libri riuscisse veramente a salvare delle vite, più concretamente intendo. Riuscite ad immaginare un libro che riesca fisicamente a trasformarsi in una risorsa indispensabile per il pianeta? No? Credetemi se vi dico che un libro del genere esiste veramente e nei prossimi anni aiuterà la popolazione mondiale a stillare acqua potabile anche nei paesi più disagiati. 




Secondo l'UNICEF, nel 2015, ci sono stati 663 milioni di persone che utilizzano acqua non potabile, un dato allarmante non credete? Per combattere questo problema e per infondere un'educazione circa i pericoli dati dall'acqua non sicura, l'associazione WaterisLife in collaborazione con il Dr. Teri Dankovich, direttamente dal Carnegie Mellon, hanno realizzato un particolare libro dalle pagine speciali: di tratta del The Drinkable Book, ovvero il libro potabile.
Le pagine di questo formidabile libro sono costituite da nanoparticelle d'argento che, se usate per filtrare l'acqua, possono intrappolare circa il 99,9% dei batteri che solitamente si trovano in malattie gravi come il Tifo o il Colera. Inoltre il costo di realizzazione di questi libri è veramente basso, giusto pochi centesimi per pagina, e immediatamente saranno disponibili circa 5000 litri (fino a quattro anni) di acqua potabile per una persona. Incredibile.
Il design del The Drinkable Book è stato realizzato da Brian Gartside. I lavori legati al progetto sono iniziati nel 2013 subito dopo aver vinto il prestigioso Leone di Cannes, idea  che è stata successivamente esposta al Museo delle Scienze di Londra.





I primi test su larga scala sono iniziati in Sud Africa, condotti da Folia Water, donando ai bambini di una scuola elementare rurale il pacchetto libro con i filtri, quindi in seguito controllando i genuini effetti che questa invenzione ha dato sulle varie famiglie e la maggior consapevolezza di un'acqua più pura, nonché il potere sulla propria salute. Anche se i filtri hanno cambiato di forma, diventando circolari per una miglior praticità, il concetto che sta alla base non è cambiato e riserba per il futuro un grande passo verso una vita più sostenibile. E naturalmente potabile!




Cosa ne pensate di questa idea geniale? Salverà veramente delle vite o nutrite dei dubbi? Sicuramente ci sono dei buoni propositi e speriamo che si riesca ad evolversi sempre più in un grande progetto di vita per il mondo e per le persone.

1 commento:

  1. È un progetto molto bello, non si può dire il contrario. L'idea di un libro per salvare delle vite ha un forte impatto simbolico, almeno nella nostra cultura. È un peccato che sia poco noto.

    RispondiElimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com