venerdì 25 marzo 2016

"Perfect" di Alison G. Bailey | Recensione

Ben ritornati sul mio blog! Oggi una nuova recensione mi attende; una recensione che avrei desiderato moltissimo fosse positiva per parlarvi di una bella storia d'amore, ma purtroppo la lettura è stata più impegnativa di quanto pensassi. Come avrete letto nel titolo, vi parlerò di PERFECT di Alison G. Bailey, un nuovo new adult che cerca di staccarsi dagli altri introducendo argomentazioni delicate. Ma centrerà in pieno l'obbiettivo? I miei sentimenti non si sono smossi più di tanto, sebbene nutrissi grosse aspettative, ma andiamo con ordine. 




PERFECT
La perfezione di un attimo 


TITOLO ORIGINALE: Present Perfect
AUTORE: Alison G. Bailey
SERIE: Perfect (#1)
GENERE: New Adult
EDITORE: DeAgostini
PREZZO:  14,90 € / eBook 6,99 €
PAGINE: 321
DATA DI PUBBLICAZIONE: 8 marzo 2016


TRAMA
Può la vera felicità durare più di un attimo?
È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre.
Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare. Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera. Uno straordinario fenomeno del web, bestseller di Amazon. Commovente come Colpa delle stelle, sexy come After.



   PERFECT SERIE
1. Perfect, 8 marzo  
2. Past Perfect          
3. Presently Perfect 



Recensione
________________________________________________________________________________

I così detti "successi del passaparola" stanno sempre avendo più rilievo anno dopo anno, e tra questi, direttamente dall'estero, ci giunge il nuovo New Adult di Alison G. Bailey, edito in Italia da DeAgostini che decide di tramutare il titolo leggermente da Present Perfect (Titolo originale) a Perfect, la perfezione in un attimo. Formato da poco più di trecento pagine, e ricco di scene che dall'infanzia proseguono fino all'età adulta, il libro narra della storia d'amore problematica tra Amanda e il suo migliore amico Noah, che incontrandosi per la prima volta in giovanissima età, nasce un'incredibile amicizia destinata a durare per sempre. Tra prime esperienze condivise, tra nuovi incontri e ingiustizie, la vita dei due ragazzi trascorre in una lontananza forzata che i loro cuori non possono sopportare, fin quando non accade quel maledetto giorno in cui i dilemmi di cuore sembrano l'ultimo dei problemi, e il loro amore viene sempre più messo a dura prova.

«Sei sempre stata la mia ragazza e lo sarai sempre. Nessuno mi porterà via da te, Tweet. Sei il mio cuore e lamia anima e questo non cambierà mai, qualunque cosa tu dica.»


Perfect è una metafora e un invito a riflettere su cosa è davvero perfetto nella vita e sopratutto nell'amore. La protagonista è una ragazza insicura che non è mai stata certa che il suo amore per Noah potesse essere all'altezza, e che lei potesse mai essere la ragazza giusta per il suo migliore amico, per il quale condivide dei sentimenti fuori dal comune. Perché in fondo Amanda (o meglio dire Tweet) sa di non perfetta e non vuole per nulla al mondo rovinare quell'amicizia che la unisce a lui in modo indelebile. Un rapporto talmente particolare che se dovesse sfociare in qualcosa di più, probabilmente verrebbe devastato. E' questa la paura più grande di Amanda, ma Noah non è dello stesso avviso e per tutta la loro adolescenza nutre profondamente il desiderio di toccare, proteggere e stringere a sé l'unica ragazza per la quale farebbe ogni cosa. Perfect nasce così, tra incertezze, momenti difficili tra scuola e vita privata, feste e decisioni importanti, raccontando fin dall'infanzia il percorso di vita di un'amicizia straordinaria destinata a sfociare in qualcosa di più... Perfetto!
Una storia abbondantemente descritta che talvolta, però, offre scene scandite troppo velocemente e altre troppo lentamente, senza alcun riguardo per quei effettivi attimi "perfetti" di cui tanto ci si dovrebbe struggere ed amareggiarsi e ridere. I salti temporali risultano troppo netti, tanto che non si riesce ad assimilare le scene. In altri casi, invece, la trama si sofferma su parti troppo poco interessanti e un po' cementifere, da rendere la lettura più lenta di quanto ci si aspetta. Perfect è di fatto una storia d'amore finalizzata a sé stessa, e in particolare per trasmettere emozioni, batti cuore, lacrime; purtroppo tutte qualità assenti. Le capacità necessarie per recepire un linguaggio ben articolato e comunicativo, la scrittura di Alison Bailey le altera in uno stato altalenante tra gioia e tristezza che ad un certo punto diventa pesante e poco stimolante, altre volte anche volgare per le quelle scene di sesso che proprio non possono mancare, un particolare che rievoca molto il romanzo discusso di After  scaturito dalla penna di Anna Todd.  Il lettore, dunque, rinuncia all'empatia tanto desiderata e procede nella lettura con riluttanza. Questo libro è, aihmè, tutt'altro che perfetto! Gli stessi personaggi non sembrano essere stati scritti con una logicità ben definita, e per lo più delle volte ci si imbatte in cliché letterari che conosciamo fin troppo bene, come il fatto che per scordarsi qualcun altro Amanda e Noah decidono di uscire con persone diverse per dare tempo al cuore di rimarginare le ferite. Cosa ancora meno convincente (non continuate a leggere se non volete spoilerarvi gravemente il libro) è il fatto che per elevare un romanzo d'amore la Bailey abbia messo di mezzo il cancro osseo, e non in modo totalmente rassicurante. L'assurdità di come viene diagnosticato ci fa storcere il naso e ci fa pensare che, probabilmente, la storia andrebbe molto più approfondita e rivisitata da questo punto di vista. Per il resto il finale ci strappa un sorriso, e l'inizio di ogni capitolo viene caratterizzato da delle brevi e intense riflessioni molto belle e importanti; ma rimane comunque un romanzo che non può superare le tre stelle per tutto ciò che viene prima.

Se la perfezione non esiste, perché esistono delle parole per definirla?

VOTO: 2,5 stelle /su5


_________________________________________________________________________________________________




L'AUTRICE
Alison G. Bailey è nata e cresciuta a Charleston, Carolina del Sud. Ha frequentato la Winthrop University e si è laureata con una specializzazione in teatro. Il suo romanzo d'esordio, Present Perfect, si è classificato ai primi posti nella classifica di Amazon come libro più venduto. Il romanzo ha vinto nel 2014 l'Indie Romance Convention Awards come Miglior Libro. Il suo secondo romanzo, Past Imperfect, è stato pubblicato nel febbraio del 2014. Attualmente Presently Perfect, il terzo e ultimo libro della serie "Perfect" è stato pubblicato nel dicembre 2014 elogiato da moltissime recensioni entusiastiche. Nel giugno 2015 , Alison ha pubblicato il suo quarto romanzo, Stop ! e ha ancora una volta superato ogni aspettativa, diventando il libro Best Of 2015 di molte categorie.
              
                                                              www.alisongbailey.com               
                 

6 commenti:

  1. Sono d'accordo con te, il libro non è assolutamente perfetto però ho trovato lo stile abbastanza scorrevole quindi almeno la lettura è stata abbastanza veloce. Come te ho apprezzato le riflessioni all'inizio dei capitoli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle riflessioni nulla da dire, sono davvero molto belle!

      Elimina
  2. Non l'ho letto e non avevo l'intenzione. Ora sono sicura di non guardarlo neanche da lontano. Non sopporto molto questi libri che sembrano un po' tutti uguali ed escono in successione calcolata. Pensa che pensavo che Perfect facesse parte della serie di After! Ottimissima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Ahahah. Oddio, in effetti potrebbe benissimo appartenere alla serie di After!

      Elimina
  3. d'accordissimo con la tua recensione, credo che questo libro valga solo per la parte finale e per le relative riflessioni .
    Ogni tanto, scorrendo i capitoli, pensavo di lanciare il libro fuori dalla finestra...giuro!

    RispondiElimina
  4. Menomale che non sono la sola a pensarla così!
    Man mano che leggevo mi chiedevo quanto un libro potesse sprofondare nel trash e ahimè avevo la conferma che al peggio non c'è limite. Trash, trash ovunque. Personaggi mal caratterizzati, una protagonista ODIOSA e idiota, clichè a iosa e il particolare del cancro aggiunto a casissimo alla fine... No, non mi è piaciuto per nulla!
    Se vuoi leggere il mio simile sclero lo trovi qui :3
    Ciau!
    Rainy

    RispondiElimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com