sabato 19 marzo 2016

7 autori che non mi hanno convinto e perchè

Non nascondetevi miei cari lettori, so che anche voi, come me, avete avuto delle sfortunate letture che purtroppo per una cosa o per l'altra non vi hanno convinto a pieno. Ebbene bisogna tener conto che fare lo scrittore non è cosa facile, e certe volte si rischia di inciampare e non piacere al lettore. Oggi volevo pubblicare un post che parlasse dei miei autori preferiti e che vorrei incontrare almeno una volta nella vita; ma creare un post sui miei autori che ad un certo punto non mi hanno coinvolto, mi sembrava più divertente e anche liberatorio, se me lo consentite. In realtà questi 7 autori che andrò a citare sono l'uno diverso dall'altro, per cui i miei sentimenti per ciascuno variano da libro a libro. Un libro in particolare mi ha deluso per ogni autore da me scelto e che mi ha fatto di conseguenza rivalutare una possibile lettura futura. Non escludo che se dovessero pubblicare nuovi libri e nel frattempo io leggessi delle recensioni positive, potrei anche essere attratta dal desiderio di riscoprire questi autori. In tal caso vi farò sapere. 
E voi avete avuto degli autori su cui avete puntato alto ma che invece vi siete riscoperti a dire "Hai toppato alla grande!"? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto. 



BANANA YOSHIMOTO
__________________________________________________________________________________
Questa bravissima autrice è uno di quei esempi che a parer mio ha perso la retta via dopo una serie di fortunate pubblicazioni. La penna di Banana Yoshimoto è potentissima, io ho potuto gustarmela nel suo primo libro pubblicato dalla Feltrinelli (tra l'altro anche film) dal titolo "Kitchen"(LEGGI LA RECENSIONE). Catturata dalla voglia di leggere qualcos'altro di suo, mi sono diretta il libreria e in quel periodo usciva "Il dolore, le ombre, la magia". Speravo mi desse una prospettiva poetica ed ispirante come invece aveva fatto Kitchen, ma non è stato così. Purtroppo c'è chi dice che Banana Yoshimoto abbia scritto questo libro solamente per il suo tornaconto. Io penso che sia una cosa bruttissima da dire e a mio parere questo libro sarebbe stato meglio sotto forma di poesia che come racconto su cosa vede e non vede nell'arco di una giornata la protagonista. Una lettura molto lenta che ho deciso di abbandonare con rammarico poiché pagina dopo pagina diveniva sempre più simile ad un macigno, niente magia.



DANIEL GLATTAUER
__________________________________________________________________________________
"Per sempre tuo" (LEGGI LA RECENSIONE) di Daniel Glattauer è stato uno di quei romanzi che mi ha fatto avvertire un sentore di prurito per tutta la durata del romanzo. Ho abbandonato a poche pagine dalla fine, e questo dice tutto. Ho letto di altri suoi romanzi che ha scritto che sono molto belli e scorrevoli. Purtroppo questo non è uno di quelli. All'inizio trovavo interessante il fatto che il protagonista maschile fosse ossessionato dall'amore di Judith e che volesse a tutti i costi piacerle, facendole ogni sorta di dono e inventandosi ogni qual volta uno stratagemma diverso. Ma la cosa è diventata strana, troppo strana e ha cominciato a farmi provare dei sentimenti altalenanti. Molto spesso mi sono ritrovata per la testa il desiderio di smettere di leggere e iniziare una storia meno opprimente di questa. Un'esperienza che non mi è piaciuta per niente, ahimé!





ANNA TODD
__________________________________________________________________________________
Anna, Anna, Anna... Lei sì che è un fenomeno molto strano. E' riuscita a conquistare il mondo Wattpaniano, aggiudicandosi l'attenzione da moltissime fan dei One Direction, ma non altrettanto da parte dei lettori ordinari come la sottoscritta. Certo, non si può non dire che "After" (LEGGI LA RECENSIONE) sia una storia povera di emozioni. Alla fine è stata creata giusto per questo, sulla falsa riga di un Orgoglio e Pregiudizio moderno, ma che non ha nulla della ricchezza e della genuinità di un capolavoro classico di questo calibro. Solo emozioni, ma niente contenuto. Le scene si ripetono all'infinito (il che ora comprendo meglio il simbolo in copertina): Lui la tratta male, lui la cerca, lei lo perdona. E via così da capo per 300 pagine. No, decisamente non mi ha convinto. Ma spero solamente che la capacità di trasmettere emozioni di Anna Todd possa trovare la luce in un romanzo più profondo e cavalleresco.




ELISA S. AMORE
__________________________________________________________________________________
Un'autrice italianissima di grande talento è sicuramente Elisa S. Amore, la sua scrittura è molto scorrevole e piacevole, anche se talvolta troppo particolareggiata e per spiegare una situazione bisogna leggere cinque pagine prima di riuscire a definire la scena. Probabilmente uno dei motivi del perché ad un certo momento della lettura de' "La carezza del destino" (LEGGI LA RECENSIONE) si è fatta sempre meno incalzante, e non solo. Sono sempre titubante nel leggere un italiano che ambienta all'estero le sue storie. Risultano forzate e poco credibili. Alla fin fine Elisa S. Amore c'è riuscita, e per giunta ha pubblicato con la casa editrice Nord, ma la trama mi rievocava troppo gli ambienti cupi e i personaggi di Twilight (la stessa autrice per il booktrailer ha realizzato le scene prendendo quelle del film), e questo non mi conquistata, purtroppo. Ma poi perché c'è sempre bisogno di questo attaccamento all'America? L'Italia ha una sua identità meravigliosa, usiamola.




SOPHIE JOMAIN
__________________________________________________________________________________
E parlando di Twilight, "Vertigine" (LEGGI LA RECENSIONE) di Sophie Jomain è un'altro esempio che sembra esattamente uscito da una chiacchierata con Stephanie Mayer. Purtroppo la verità è che la scrittura va di pari passo con una storia studiata bene, e le scene narrate in Vertigine risultano troppo frettolose, troppo fredde, poco realistiche; sebbene la meravigliosa location faccia la sua porca figura. La sua scrittura e la capacità di creare un momento perfetto non si incontrano facilmente. L'emozione che si dovrebbe provare nel vedere per la prima volta una ragazza innamorarsi, in questo romanzo è completamente assente, dato anche da una logistica strana e mal studiata che rende il tutto pesante. Purtroppo penso che se tra tutti i romanzi scaturiti dall'inventiva di Sophie Jomain, Vertigine sia quello che più ha avuto successo, allora non ci siamo proprio, e questo limita la mia prerogativa di dare una seconda possibilità all'autrice.




EVE SILVER
__________________________________________________________________________________
"Il bacio del demone" penso sia il libro che più ho odiato sulla faccia della terra, tanto che non ho ritenuto giusto farne una recensione, perché non avrei saputo come raccontarlo. Un mix tra paranormale mal assortito e un erotico. Insomma due cose che insieme non hanno motivo di esistere, almeno per quanto riguarda la scrittura di Eve Silver. Non ho mai letto nient'altro di questa autrice, ma non ne sento neppure l'esigenza; quindi ognuno a casa propria e avanti per le nostre strade. Purtroppo il difetto di una scrittrice è quello di esagerare, oppure di non riuscire a far decollare le emozioni. Eve Silver li ha entrambi, se non si calcola la sua imperfetta capacità di creare una trama che non cozzi con i protagonisti stessi. Forse sono stata troppo crudele. 




GIULIA GUBELLINI
__________________________________________________________________________________

Con Giulia mi sono innamorata del suo racconto Sci-fi "L'orco meccanico" (LEGGI LA RECENSIONE) e a quel punto non ho potuto resistere alla tentazione di leggere anche "Under(LEGGI LA RECENSIONE). Purtroppo la storia non mi ha coinvolto, anzi, talvolta mi ha fatto storcere il naso per l'illogicità di certe azioni o di certe scene. Non amo la violenza gratuita quando si parla di trame, ma ammetto solamente quella che ha uno scopo e un percorso, cattivo o buono che sia; anche perché così la storia avrebbe una credibilità, ma in Under il tutto sembra troppo statico, troppo irrealistico, troppo poco poetico. La scrittura stessa diventa poco scorrevole a tratti, poiché si fa fatica a star dietro al tutto. La mia esperienza con Giulia, tuttavia, spero non termini qui, poiché so di cosa è capace e so che la sua scrittura può essere molto più interessante e attraente di come è stato con Under. 

12 commenti:

  1. Non ho mai letto nessuno di questi libri o altri di questi autori. Ho nella mia libreria però Under e La carezza del destino, mi dispiace non ti siano piaciuti :\ spero in questo caso di avere un parere diverso dal tuo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Christy!! Lo spero anche io per te. Poi l'ho detto anche quando ho fatto le recensioni di questi libri, che a me non hanno convinto ma ad altri potrebbero invece! Un abbraccione!!!

      Elimina
  2. Anni fa ho letto Banana Yoshimoto ma la sua penna non mi ha colpito per nulla, quindi non mi ha stupito il tuo giudizio. Al contrario, After e Vertigine che tutti decantano tu li hai un po' smontati, e devo dirti la verità mi piace un sacco leggere chi va contro corrente! Ora ho ancora più voglia di leggerli per vedere se a me piaceranno! Complimenti per l'interessantissimo post!^_^ Potresti farlo diventare una rubrica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro sia ad After che Vertigine li ho classificati con lo stesso numero di stelline. Ti ringrazio, sono felice che ti sia piaciuto il mio post. Per una rubrica non saprei proprio, non sono molti gli autori che non mi convincono, e poi cerco sempre di leggere libri che possano piacermi un sacco! Ahaha. ^^

      Elimina
  3. Non ho letto nulla di questi autori.. io aggiungo Ally Condie, autrice di Matched.. unica serie che ho lasciato in sospeso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo! Ally Condie è così poetica! Oddio, è vero che il primo volume e cioè Matched lo avrei bocciato anche io se non fosse stato per Crossed che è il secondo ed è stupendo ed avventuroso!

      Elimina
  4. Uh Banana nemmeno a me! Ho letto Moshi moshi...la sua verve rispecchia decisamente il titolo!
    Ne approfitto per invitarti da me per partecipare ad un giochino che ti darà la possibilità di vincere fino a tre cartacei. Passa se ti va!
    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina
  5. Ciao Roberta ^^ Non ho letto nessuno di questi libri e non ho nessuna intenzione di farlo in futuro xD Anna Todd e Eve Silver in particolare non mi hanno mai ispirato xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, l'unico libro che ti sconsiglierei vivamente di leggere è Il Bacio del Demone di Eve Silver. Per il resto potresti avere un parere diverso dal mio! ^^ Ahah.
      Grazie di essere passata! Un abbraccione

      Elimina
  6. Ciao Roberta! Nooo, che mi dici, quello di Eve Silver è nella mia wish lista da un sacco di tempo e non vedevo l'ora di leggerlo (un pò frenata dal fatto che si tratta di una serie interrotta). Peccato che proprio non ti sia piaciuta. Gli altri invece non sono mai stati nel mio radar, per fortuna. E Anna Todd non mi avrà mai XD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, Rosa!!! Mi hai fatto morire con la frase Anna Todd non mi avrà mai. XD

      Elimina
  7. Ciao Roberta! Nooo, che mi dici, quello di Eve Silver è nella mia wish lista da un sacco di tempo e non vedevo l'ora di leggerlo (un pò frenata dal fatto che si tratta di una serie interrotta). Peccato che proprio non ti sia piaciuta. Gli altri invece non sono mai stati nel mio radar, per fortuna. E Anna Todd non mi avrà mai XD!

    RispondiElimina

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com