domenica 12 ottobre 2014

"Red Carpet" di Giorgia Penzo | # Recenione + video




Titolo: Red Carpet 
Autore: Giorgia Penzo 
Editore: GDS 
Collana: Aktoris 
Data di pubblicazione: 2013 
Serie: Red Carpet #1 | Asphodel #2
Genere: Urban fantasy 
Prezzo di copertina: € 1.99 (ebook), € 16.90 (brossura) 
Pagine: 307 
ISBN: ebook (9788867821235), brossura (9788867821303) 
Dove trovarlo? Amazon | Kobo | Ibs | Feltrinelli | inMondadori
Voto: ✪✪✪✪


Trama 
In un presente alternativo, il vampirismo non è più un morbo da debellare ma una risorsa sulla quale investire. Lo sa bene Elizabeth “Lise” Scott, giovane e arrivista responsabile delle negoziazioni alla Immortality Awaits Corporation, l’unica società al mondo in grado di rendere reale il più grande sogno dell’uomo: vivere per sempre. Elizabeth è un brillante avvocato specializzato nella difesa dei vampiri e il legale personale del presidente dell’Immortality Awaits, Ryan J. Constant, uno dei pochissimi pluricentenari in grado di trasmettere il virus dell’immortalità attraverso il proprio sangue. L’arrivo di Adam Reese, arrogante immortale del Vecchio Mondo con un conto in sospeso con il passato, costringerà Elizabeth ad affrontare la sfida più importante della sua carriera. Obbligata dalle circostanze e dal suo orgoglio, si ritroverà al cospetto di un misterioso tribunale segreto – la Corte di Erebo – in un processo che affonda le sue radici ai tempi della Rivoluzione francese.



Recensione
________________________________________________________________________________


Red Carpet è la testimonianza reale che esiste ancora tanta originalità e bravura nella letteratura dei giorni nostri. Forse non sarà un Best Seller, considerando che si tratta di un romanzo d’esordio nel genere Urban Fantasy, ma credetemi se vi dico che potrebbe dare del buon filo da torcere anche ai migliori scrittori.
Sì, perché Giorgia Penzo, l’autrice, è dotata di una magnifica sensibilità espressiva che rende la sua scrittura pressoché perfetta, travolgente, scorrevole, accattivante e assolutamente piacevole. Un modo di scrivere articolato, ma non complesso e noioso, anzi. Si capisce quanto la scrittrice tenga alla forma grammaticale e creativa della sua scrittura, ma soprattutto a quanto trovi importante la parte descrittiva e culturale della trama.
Forse anche un po’ troppo dettagliata, ma pienamente esauriente.
Red Carpet disegna un mondo dove la figura del vampiro è integrata nella società, non si tratta di un segreto, anche se con certe limitazioni.
Interessante è notare come l’autrice abbia accostato la figura di un avvocato, la nostra protagonista Elizabeth (detta Lise dagli amici più stretti), a quella di Ryan, un imprenditore di una grande corporation, la “Immortality Awaits”, dotato dell’esclusivo potere di trasformare in vampiro chiunque possa permetterselo, economicamente parlando, poiché è esso un vampiro. Pagare per diventare immortali, quindi. Una trama affascinante che sa come rapire l’attenzione del lettore.


Per lo più questo romanzo è indirizzato anche ad un pubblico adulto, ma non perché ci siano particolari scene Romance, assolutamente no. Al contrario il romanticismo è quasi assente, manca totalmente il fattore rosa; niente baci, niente coccole, niente triangoli amorosi. E probabilmente è una mancanza che non tutti adoreranno. Vi sono solamente semplici accenni di attrazione tra i personaggi, nulla di più. Ma, dopotutto, questa scelta può essere intesa come una strategia per accaparrarsi anche l’attenzione di un pubblico maschile.

   Molto ben studiati sono i personaggi di “Red Carpet”.
Elizabeth è una donna forte, determinata e intraprendente, con uno spiccato senso dell’ironia. Si impara da subito a volerle bene, e pagina dopo pagina, non riusciamo a far meno della sua irresistibile personalità, anche se in certe circostanze, nella storia, può sembrarci troppo egoista, ma comunque sempre affascinante.
La storia è raccontata dal suo punto di vista, al passato, e quindi leggiamo ogni suo pensiero, ogni sua vicenda e decisione. E di sicuro è proprio questa forma di narrazione che riesce a travolgerci e ci invoglia a proseguire con la lettura, seppur questa si basi su una trama non completamente ricca di colpi di scena, e a volte, abbiamo pure la sensazione di leggere un manuale di giurisprudenza (sensazione che comprendiamo nell’attimo in cui veniamo a conoscenza della biografia dell’autrice, poiché essa dispone di questo tipo di laurea).
   Anche il personaggio di Ryan J. Costant, ovvero il capo di Elizabeth, è una figura intrigante,  contraddistinto da un carattere tranquillo, autoritario e risoluto. Un vampiro che conosce la legge e non ha nessuna intenzione di infrangerla, seppur non viene specificato in che modo lui si nutra e vada a “caccia”.
Un vampiro presidente della  “Immortality Awaits” alla quale chiunque può attingere pagando, usufruendo così del sangue del vampiro più anziano di New York, Ryan appunto.


Straordinario è come Giorgia Penzo abbia studiato il romanzo, prendendo ispirazione dalle epoche storiche come l’antica Grecia e i suoi Dei, o la presa della Bastiglia nel 1789 durante la rivoluzione francese, e inserendo vicende del passato nella trama in modo avvincente e stimolante, insegnandoci anche quel poco che basta per farci riconsiderare lo studio della storia a scuola.



VOTO: 4 stelle /su 5


_____________________________________________________________________________


L'autrice:
Giorgia è nata a Reggio Emilia nel 1987. Dopo aver conseguito la maturità magistrale, s’iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Parma dove si laurea a pieni voti. Le discipline a cui resta particolarmente legata sono Filosofia e Storia del diritto.
Essendo da sempre interessata al passato e ai suoi protagonisti, la storia e la ricerca sono parte integrante della sua passione per la scrittura. I suoi interessi spaziano dalla mitologia classica, fino all’arte e il cinema.
È autrice di diversi racconti, e di una duologia urban fantasy composta dai romanzi “Red Carpet” e “Asphodel“ (Editrice GDS).
A Marzo 2014, con il racconto “La Stella di Seshat”, si classifica al terzo posto nel concorso letterario #SEMantica 22 indetto dalla casa editrice SEM Edizioni.
Con la casa editrice digitale Genesis Publishing ha pubblicato il saggio storico giuridico “I processi a Luigi XVI e Maria Antonietta – Dal trono al patibolo”.

Blog dell'autrice: www.giorgiapenzo.wordpress.com


Nessun commento:

Posta un commento

♡ Dolci&Parole può crescere solamente grazie ai vostri commenti, vi ringrazio di tutto cuore se vorrete scrivere qui sotto cosa ne pensate di questo post ♡

Consigliati


Grafiche e contenuti © ROBERTA DELLABORA DESIGN
Per info: dolcieparole@gmail.com